La Passione Vivente di Venafro

La Fondazione Mario Lepore, unitamente ad altre associazioni sul territorio, ha deciso e deliberato di sostenere la Passione Vivente.

Un importante evento sul territorio che anche oggi, come nella prima edizione del 1968, rievoca gli  ultimi giorni della vita di Gesù, attraverso quadri scenici sospesi nella notte e nel tempo, nel Parco dell’Olivo, luogo che più di altri rappresenta il contesto storico e religioso degli eventi: il Monte degli Ulivi ed il Getsemani a Gerusalemme. Lo spettacolo rispetta l’impostazione tradizionale delle scene, frutto dell’intuizione di Franco Valente, ideatore dell’evento.

La “Passione vivente” di Venafro, ambientata tra gli olivi del Parco Regionale dell’Olivo di Venafro, nei pressi della Cattedrale, è un evento dalle caratteristiche scenografiche uniche, uno dei primi ideati in Italia, essendo nato nel 1967 e rappresentato negli oliveti limitrofi alla Cattedrale dal 1968. Nell’ iniziativa è ripresa nell’organizzazione dalla Fondazione Mario Lepore e da varie associazioni e storici volontari, anche con l’intento di valorizzare il Parco Regionale dell’Olivo di Venafro e il suo paesaggio rurale, inserito nell’esclusivo Registro Nazionale dei Paesaggi rurali storici dal Ministro delle Politiche Alimentari, Agricole e Forestali (D.M. n. 6419 del 20.02.2018).

Gli Oliveti di Venafro rappresentano, infatti, uno dei luoghi simbolo dell’olivicoltura mediterranea. Nessun luogo al mondo coltivato ad olivo può vantare più citazioni letterarie classiche degli autori romani di Venafro.

Le foto della galleria sono di Emilio Pesino (le prime 10) e di Giustino Guarini (le ultime 4).